L'illusione delle vincite

Non sprecare denaro in operazioni di puro rischio: Superenalotto, Totocalcio, Totip, Gratta e Vinci e ancora peggio scommesse su cavalli, giochi di carte, roulette. Queste droghe sfruttano la tua debolezza e alimentano la speranza di trovare scorciatoie per il benessere. Anche se vincessi, con grande probabilità rischieresti di perdere tutto in breve tempo.


Portiamo ad esempio le slot machine, se la combinazione che appare, si avvicina a quella vincente, il nostro cervello non distingue la mancata vincita da una vincita reale, per cui il giocatore è indotto a provare di nuovo la giocata convinto che la prossima sia quella buona. Questo fattore è noto ai produttori di slot machine per cui fanno in modo che le combinazioni proposte si fermino ad un passo dalla presunta vincita.

Vediamo invece la manipolazione mentale dei gratta e vinci. Sul retro si legge solitamente:

  • Per premi fino a 500 euro, probabilità di vincita 1 biglietto ogni 3,86

  • Per premi da 501 euro a 10.000, probabilità di vincita 1 biglietto ogni 70,589

  • Per premi superiori a 10.000, probabilità di vincita di un biglietto ogni 3.000.000

Il lettore preso dall'entusiasmo ha l'illusione che 1 volta ogni 3,86 si può vincere un premio di 500 euro, ma non è così. Quel "Fino a" comprende i premi minori tipo quelli di 2 o 3 euro corrispondenti al valore del biglietto, e le "non vincite". Per cui anche se vinco il costo del biglietto, in realtà non ho vinto niente, perché ho solo recuperato la somma spesa. Quindi, ritento la giocata, convinto di entrare in quella statistica delle 3,86 probabilità, sperando di vincere i 500 euro indicati nella prima opzione. Le "non vincite" hanno solo lo scopo di far aumentare la probabilità percepita di vittoria. E non solo....dopo grattato, la combinazione che vedi si avvicinano alla vittoria di un soffio....per cui ritenti la fortuna acquistando un altro biglietto.

Per verificare quanto detto basta collegarsi al sito: https://www.adm.gov.it/portale/monopoli/giochi

e vedere le informative sulla probabilità di vincita dei relativi giochi, per rendersi conto che per il calcolo delle probabilità vince il banco e non il nostro portafoglio !